Ieri sera,senza la complicita’ delle Poste Italiana,Chiara ha chiuso il cerchio del suo progetto Clet.

Ora sappiamo chi è il creativo delle segnaletiche.

Francesissimo,discreto e,ovviamente ironico,è presente.Sempre gentile, accompagnato dalla sua compagna, ha spiegato a chiunque glielo chiedesse,il suo percorso artistico.

Il negozio della Chiara è perfetto.

Alla porta il mitico Paolo,grande tifoso del Bologna e con me intesa facile.

Alla Security,Chiara2 e Matilde,belle eleganti e gentili.Tavolate di pizze e crescente ,vino a gogo e via andare.

Nonostante il boicottaggio delle Poste(non hanno recapitato gli inviti), il negozio è sold out. Bella gente,ci sono tutti.

E’ strano vedere questi cartelli stradali nel negozio di Chiara.Sono apparentemente appoggiati,con una perfetta casualita’,in mezzo a ricercatissime lampade,cornici uniche,vecchie sfere di vetro,pero’ come direbbe il mio amico Fiorello…fanno il botto!

Appoggiato,sopra ad un delizioso divanetto di velluto,un LAVORI IN CORSO con l’operaio incatenato,ma si è Clet! Animale dalla fantasia galloppante, che traduce in ironico, un odioso cartello stradale.

 

RINGRAZIAMENTI:

 

Un grazie particolare a Chiara, che mi ha fatto conoscere una bella persona, un bravo artista,amante del suo lavoro.(il giovane Clet)

Grazie a Gio’Giovanni alle tastiere!

Grazie al sindaco che non ha multato il mio parcheggio!

 

Totale acquistato:(ancora da pagare).

 

Tre palchi di corna di cervo.Saranno attaccapanni perfetti.

Quattro lampade ,anni cinquanta, da appendere(da vedere)

Una tovaglia lino/plastica.Clamorosa.

Il cartello piu’ bello di Clet.Il cuore che trafigge la freccia…Per la mia Amata.